La Casa dei Cavalieri di Rodi

La Casa dei Cavalieri di Rodi è uno dei gioielli segreti di Roma. Incastonato tra il Foro di Augusto e il Foro di Traiano, il palazzo è il risultato di un’incredibile stratificazione lunga oltre duemila anni.

Nell’anno 2 a.C. viene inaugurato, all’interno del Foro di Augusto, il Tempio di Marte Ultore (dal latino Ultor = Vendicatore). Ottocento anni dopo, quando il Foro di Augusto era già stato abbandonato, sui resti del Tempio vengono edificati una chiesa e un monastero dedicati a San Basilio. Passano altri quattrocento anni e, nel 1230, il complesso passa ai Cavalieri dell’Ordine di San Giovanni di Gerusalemme, conosciuti anche come Cavalieri di Rodi (oggi Cavalieri di Malta). Duecento anni dopo, esattamente nel 1466, il cardinale Marco Barbo, nipote di papa Paolo II, trasforma il palazzo in una sontuosa residenza rinascimentale che ancora oggi è possibile ammirare, con eleganti soffitti lignei, lussuosi saloni di rappresentanza, preziose opere d’arte e la meravigliosa loggia ad otto arcate interamente affrescata, dalla quale si affacciava il pontefice per la benedizione della folla. Nel 1566 l’Ordine dei Cavalieri si trasferisce sull’Aventino e papa Pio V affida la struttura alle Suore Domenicane, che ampliano il complesso, dedicandolo alla Santissima Annunziatina. Nel 1930 la porzione conventuale viene abbattuta nell’ambito dei lavori di demolizione per l’apertura di Via dell’Impero (oggi Via dei Fori Imperiali), inaugurata nel 1932. Nel secondo dopoguerra il palazzo viene restaurato e affidato nuovamente, dal 1946, al Sovrano Ordine di Malta.

Questo tour esclusivo consente di ripercorrere la storia millenaria di questo straordinario palazzo e di ammirare gli ambienti che lo impreziosiscono: il Salone d’Onore e la Sala della Loggetta, con rivestimenti lignei e pitture ad affresco, antiche carte geografiche e fregi marmorei provenienti dal Foro di Augusto, la strepitosa loggia affrescata che affaccia sui Fori Imperiali e, scendendo al livello sotterraneo, la Cappella Palatina dedicata a San Giovanni Battista, patrono dell’Ordine dei Cavalieri di Malta, ricavata sui resti ancora visibili di un cortile di epoca romana con arcate in travertino, su cui affacciava una grande insula (palazzo di condomini).

 

 

Questo evento non è al momento disponibile.

A breve pubblicheremo il calendario dei prossimi appuntamenti: resta aggiornato!